L'ANGOLO DELL'ARCHEOLOGO


Parte Quarta: Gli eroi dimenticati

di Marcello Vaccari

Prosegue la serie di articoli che vanno alle radici dei fumetti supereroici stampati in Italia, con una operazione di vera e propria archeologia fumettistica. Essendomi stufato di leggere su riviste, fanzine e soprattutto albi a fumetti vari, reiterate inesattezze sulle prime apparizioni dei personaggi D.C. in Italia, mi sono deciso a fare piena luce, andando a caccia di albi e notizie tra i più grandi collezionisti di fumetti italiani. Tutte le informazioni che troverete in questo, nei precedenti e nei prossimi articoli provengono da albi in mio possesso, o che ho potuto vedere (e fotocopiare!) personalmente. Quindi ci potrà essere forse qualche omissione, ma sicuramente NESSUN ERRORE!.

Continuiamo con i nostri "scavi", e con questo quarto articolo cerchiamo di fare un po' di chiarezza sulla pubblicazione di alcuni supereroi D.C. meno conosciuti. Visto che sono serie molto brevi, ne ho riunite due nello stesso articolo, per non spezzettare troppo la ricerca. Nel prossimo articolo tratterò dei Supereroi nati in Italia.


ALBOGIORNALE

In Italia è stato pubblicato pochissimo materiale supereroico, proveniente dai Comic Book americani della cosiddetta Età dell’Oro (Golden Age), cioè del periodo che va dall’apparizione del primo supereroe (Superman del 1938), alla sparizione quasi totale del genere alla fine degli anni 40. Una delle poche testate ad avere attinto a quella fonte è stato L’ALBOGIORNALE (Nuova Serie), di cui sono usciti 14 numeri tra il 1947 e il 1948. Questi albi si avvalevano come personaggio portante di Ciclone, che non ha nulla a che vedere con il nome con cui era stato battezzato Superman nell’anteguerra. Questo Ciclone era stato creato nella serie precedente dell’Albogiornale, da Carlo Cossio, e si potrebbe anche considerare un supereroe italico, in quanto fornito di forza sovrumana ed una pelle decisamente resistente (prerogative del resto anche del suo predecessore). In realtà questo personaggio è sempre supportato da una forte vena ironica, che ne fa’ quasi una parodia del genere che era maggiormente in voga in quegli anni in Italia: quello dell’uomo forte, che aveva molti seguaci, tra cui il capostipite Fulmine pubblicato dalla stessa casa editrice. Ma vorrei invece portare l’attenzione ai personaggi che gli facevano da spalla, e che anzi occupavano la maggior parte dell’albo. Sono presentati 4 personaggi americani, tutti tratti dall’albo MASTER COMICS della casa editrice FAWCETT, per intenderci quella di Capitan Marvel.

Il più assiduo è RADAR (che non ha niente a che spartire con l’omonimo supereroe italiano nato diversi anni dopo), scritto da Otto Binder e disegnato da Al Carreno. Questo personaggio è a tutti gli effetti da considerare un supereroe, anche se le sue avventure sono prevalentemente di spionaggio. Infatti ha svariati poteri, tra cui quello di captare le trasmissioni radio, di leggere nel pensiero e di vedere attraverso i muri. Tutte le sue storie sono fortemente influenzate dalla guerra appena finita, ed intrise di rancori verso i tedeschi, i giapponesi ed il fascismo in genere. Quasi tutte finiscono con una "morale", contro i prepotenti e la perdita della libertà. E’ apparso anche sugli albi di Blek e Gionni.

IL secondo personaggio è la bella NYOKA (il cui nome è tutto un programma), La Ragazza Della Giungla, uno dei classici fumetti avventurosi in cui la protagonista trova tutti i modi possibili per mettere in mostra le sue grazie, pur mantenendosi molto castigato. Nonostante Nyoka si trovi spesso in difficoltà, dimostra un carattere davvero forte, ed è spesso lei a tirare fuori dai guai il partner maschile Larry. Molto gradevoli i disegni, in modo particolare quando ad occuparsene è l’ottimo Krigstein.

Il terzo, e più interessante, personaggio è Capitan Marvel Jr., qui ribattezzato Tony Marvel, che è disegnato dal grande Mac Raboy. E’ questo l’unico membro della famiglia Marvel (e non stiamo parlando della Marvel Comics che non era ancora nata!) apparso in Italia, fino ad anni recentissimi, ed ha quindi un notevole valore storico. Lo stesso personaggio ha fatto qualche altra sporadica apparizione in appendice ad altri albi della stessa casa editrice. E’ certo incredibile constatare che questi fumetti, enormemente popolari in America, siano stati praticamente snobbati in Italia, dove sono arrivate solo le produzioni a strisce per i quotidiani, e non la sterminata produzione dei Comic Book.

Il quarto personaggio, presente solo in un albo con una lunga storia, è Bulletman, qui affiancato dalla compagna Bulletgirl. I due usano un "elmetto all’uranio" che gli permette di volare, e sono quindi dei tipici supereroi. Creato da Jon Small nel 1940, Bulletman ha conosciuto un buon successo in patria, resistendo fino al 1949, ed avendo anche l’onore di un proprio albo. Questi ultimi due personaggi, sono stati recentemente ripescati da Jerry Ordway sulle pagine dell’albo dedicato a Capitan Marvel (intitolato Power of Shazam), ma credo che difficilmente lo potremo vedere in Italia.

LE GRANDI AVVENTURE DELL'UOMO BAMBU'

Alla fine del 1954, probabilmente al seguito del successo degli Albi del Falco con protagonista Nembo Kid, uscì una breve serie con caratteristiche analoghe, chiamata "LE GRANDI AVVENTURE" e dedicata all'Uomo Bambù. Così come era avvenuto con Nembo Kid, L'Uomo Bambù è una curiosa traduzione (?) di un supereroe americano chiamato, in originale, DOLLMAN. Questo personaggio è nato nel 1939 sulle pagine del #27 di Feature Comics, della casa editrice Quality Comics (i cui diritti sono attualmente detenuti dalla D.C.), dalla penna di Will Eisner e Lou Fine, due dei più grandi cartoonist americani. Fine portò il personaggio ad un notevole successo, tanto da farlo approdare nel 1941 ad un proprio albo, che durò ben 47 numeri, fino al 10/1953, un anno prima della pubblicazione italiana. Intorno al 1942 Fine lasciò la sua creatura ad un altro grande, Reed Crandall, che a sua volta abbandonò il personaggio dopo un paio di anni nelle mani di altri disegnatori tra i quali si distinse Al Bryant. Dollman (che significa Uomo Bambola) aveva il potere di comprimere le molecole del proprio corpo rimpicciolendosi fino a diventare delle dimensioni di una bambola, un potere pressoché identico a quello di Atom, personaggio della D.C. di molto posteriore. Il suo nome di battesimo, Darrel Dane, è stato mantenuto anche nella versione italiana, insieme a quello della sua fidanzata Marta Roberts e degli altri comprimari. Le storie pubblicate provengono sicuramente dall'ultimo periodo della pubblicazione americana.

Nei piccoli albi di 20 pagine, trovavano posto altri due personaggi di origine americana, provenienti probabilmente sempre dalla Quality Comics: Freccia di Fuoco, personaggio western di Fred Meagher che ha per protagonista un indiano, e Ciop Ciop personaggio comico che occupava le ultime 2 pagine.

Globalmente gli albi sono molto gradevoli, con buoni disegni e storie simpatiche, comparabili a quelle del contemporaneo Nembo Kid. Le copertine sono riprese da quelle originali di Dollman, ma con i colori rifatti (infatti il costume è verde anziché azzurro). Non viene mai annunciato l'albo seguente, e tutte le storie (che comunque non sono a puntate tranne Ciop Ciop) si concludono nel numero 4, cosa che non esclude a priori che ve ne siano altri.

 

CRONOLOGIA

ALBOGIORNALE nuova serie

N°1 30/04/47

N°14 15/02/48

Casa editrice Juventus

 

ELENCO DEGLI EPISODI TRATTI DA MASTER COMICS

N°1

RADAR: IL COMPLOTTO DEL RADIUM

NYOKA: IL RITO DELLA MORTE

N°2

RADAR: IL MISTERO DELLA BANCA INTERNAZIONALE

NYOKA: LA TRIBÙ SCOMPARSA

N°3

RADAR: IL NIDO DELLE VIPERE

NYOKA: IN INDIA

N°4

RADAR: BOMBE RAZZO SU PANAMA

NYOKA: L’OCCHIO DI RU-TUS

N°5

BULLETMAN: IL TEMPIO DEL MALE

N°6

RADAR: L’INCIDENTE DELL’ORO NERO

TONY MARVEL: LA BANDA DEI RICATTATORI

N°7

RADAR: I DINAMITARDI DELL’EST

NYOKA: LA TERRIBILE MOSCA ZARSNIK

N°8

RADAR: L’ARSENALE DELL’ODIO

TONY MARVEL: IL PADRONE DEGLI ZOMBIES

N°9

RADAR: CONTRO I MERCANTI DI GUERRA

N°10

TONY MARVEL: NEL PARADISO DEI LADRI

N°11

RADAR: I FUMATORI D’OPPIO

N°12

RADAR: CONTRO LA BANDA DEI BORSANERISTI

N°13

RADAR: MEIN KAMPF: EDIZIONE POSTBELLICA

N°14

RADAR: I PIRATI DELLE CENTO ISOLE

LE GRANDI AVVENTURE

Caratteristiche:

Casa editrice S.E.P.P. (Società Editrice Periodici Popolari), Roma.

Direttrice Responsabile: Rossana Funghi

Prezzo L.20. Formato verticale 12 X 17. 20 Pagine

Testata: LE GRANDI AVVENTURE. Quindicinale per ragazzi.

Gli albi non hanno titolo, ma solo il nome del personaggio principale L'UOMO BAMBU'.

N°1 31/12/1954

N°2 15/01/1955

N°3 30/01/1955

N°4 15/02/1955

 


TUTTI I DISEGNI DI QUESTO ARTICOLO SONO COPYRIGHT (C) D.C. COMICS


Indice

Archivio

Recensioni

News

Forum

Talent Scout

Articoli

La bottega Orrori

Top Model

Redazione