L'UOMO RAGNO 294

 

Forse sognare...  

Perchance to dream...

Da Webspinners: Tales of Spiderman 12

 

  

Premessa

Sulla copertina si legge ben evidenziato: "CONTIENE IL RAGNO CAPOLAVORO DELL'ANNO", lo scrittore e' Jenkins (autore della bellissima maxiserie Gli Inumani ), il disegnatore e' quel Jones segnalatosi con il ciclo della Vedova Nera. Gli ingredienti per una grande storia ci sono  tutte, eppure qualcosa e' andato storto, ma cosa?

La Storia

Trama quanto mai esile: a seguito del suicidio del Camaleonte, Peter Parker viene colto da una profonda crisi di coscienza. Tale turbamento interiore provocherà al nostro Peter un sonno piuttosto agitato...

I Testi

Qualche anno fa DeMatteis ci regalò il lirico "L'ultima caccia di Kraven", storia epocale non solo per la sua oggettiva validità, ma anche perché strappava in un sol colpo anni e anni di solare ingenuità ad un personaggio, la cui psiche veniva messa a nudo evidenziandone gli aspetti più ombrosi.

Da allora in poi, con alterne fortune, tanti altri scrittori hanno proseguito sull'impervia strada dell'introspezione psicologica e dello psicodramma, dimenticando la versione storica e abituale dell'arrampicamuri scanzonato e scherzoso.

Ma i risultati sono stati quanto mai disomogenei, pochi successi e tante sconfitte e "Forse sognare..."  rientra decisamente nella seconda categoria.

La storia e' troppo retorica, si riduce ad una lunga esperienza onirica fatta a sua volta di noiosissimi flashback che nulla di nuovo aggiungono all'epopea del ragnetto. Sarebbe ora di smettere di insistere sulla tematica del senso di colpa, che da svariati anni imperversa  sulle pagine del nostro arrampicamuri preferito.

Eppure Jenkins ha dimostrato di essere un capace scrittore con la bella maxiserie degli Inumani.  Ma non e' facile misurarsi con un eroe mito come l'Uomo Ragno la cui trentennale storia dettagliatissima  e cristallizzata rappresenta un'arma a doppio taglio: se da un lato e' un prezioso serbatoio da cui attingere idee e personaggi di consolidato successo, dall'altro non consente una grande libertà espressiva e qualsiasi autore che si cimenti nel narrare le gesta del nipotino di Zia May  rischia di esserne schiacciato, oscurato.

I DISEGNI

Altra nota dolente: che fine ha fatto l'eccellente disegnatore che aveva raggiunto picchi elevatissimi nella miniserie dedicata alla Vedova Nera  ?  E' da non credere come le chine del solitamente bravo Palimiotti (Devil ne e' un esempio lampante) siano riuscite ad impoverirne il tratto, specialmente nelle fisionomie dei visi.

Certo non e' tutto da buttare, interessante per esempio la scelta di inserire nelle pagine svariate vignette tratte da vecchi albi dell'Uomo Ragno, riconoscibili perché in bianco e nero. I fan di vecchia data come me potranno divertirsi nel riconoscere le matite di Romita Jr, Romita Sr, Sal Buscema, Ditko ed altri.

Decisamente convincente ed evocativa la copertina.

CONCLUSIONI

Sconsiglio decisamente la lettura di questa storia a tutti quelli che sono stufi di leggere e rileggere la frase: " Da un grande potere derivano grandi responsabilità", a tutti quelli che non ne possono  più di guardare e riguardare la scena della morte della bella Gwen riproposta in tutte le salse .

Per quelli che invece si sono da poco accostati alle avventure del nostro aracnide  preferito, questa storia e' un ottimo punto di partenza per imparare ad amare questo straordinario personaggio, venendo messi a conoscenza in poche pagine di tutti gli eventi cruciali della sua movimentata vita.

 

GIUDIZIO     scarso

 

DANIELE CERBONESCHI


Abbiamo parlato di :

GLI INUMANI

Bellissima maxiserie pubblicata su Cavalieri Marvel 1-12, scritta da un profondo Jenkins e disegnata da un Jae Lee in stato di grazia. Da non perdere assolutamente!

LA VEDOVA NERA 

Interessante miniserie (Cavalieri Marvel 5-8) non tanto a livello di soggetto, per niente innovativo quanto per gli strabilianti disegni di Jones, uno spettacolo per gli occhi. Se non da leggere, almeno da sfogliare!

L'ULTIMA CACCIA DI KRAVEN

E' inutile spendere altro inchiostro (anche se virtuale) su questo capolavoro di DeMatteis - Zeck, compratevelo, leggetelo e memorizzatelo!

La Zia May

DeMatteis e' un grandissimo autore, l'aver ucciso la Zia May nel capolavoro "Il Dono" lo rendeva ancora più grande. Ma come tutte le brutte abitudini, la vecchietta secolare e' dura a morire ed ancora una volta e' rispuntata fuori! Vi e' mai venuto il dubbio che in realtà sia la zia di Galactus?


Indice Links Home News Forum
Talent Scout Articoli La bottega Orrori Top Model Redazione