SUPERMAN 16

[Image: 081509superman_16.jpg]SUPERMAN 16
Testi di Geoff Johns, disegni di Gary Frank e Jon Sibal
60 pagine, colore, spillato, formato 17×26, Euro 3.95
Planeta/De Agostini

Finisce l’attesa per l’edizione italiana della storia della Legione dei Supereroi firmata Geoff Johns e Gary Frank. Ogni aspettativa è esaudita e si sfiora il capolavoro.

articolo di : Dario Biagiotti
Superman e la Legione dei Supereroi è esattamente tutto ciò che dovrebbe essere Superman: grandi storie di fantascienza fantastica piene di colpi di scena, humor, valori umani, avventura, grandi imprese e difficoltà. Fra i tanti meriti di Geoff Johns c’è quello di servirsi di tutti questi elementi in una vicenda in cui rivediamo (finalmente) la Legione classica chiedere aiuto, nei giorni nostri, a Superman per combattere la futura minaccia di una sedicente Lega della giustizia composta da scarti dalla Legione nel XXXI secolo. Sono individui che, strumentalizzando una credenza storica errata secondo cui Superman sarebbe stato un terrestre, alimentano un’accesa xenofobia nei confronti degli alieni (il tutto con il sole che intanto è diventato rosso, e priva quindi l’Uomo d’acciaio dei suoi poteri). Johns sviluppa una narrazione classica e iconica ma tutt’altro che retrò, in cui al puro intrattenimento si alternano bellissime riflessioni su temi come la diversità, l’inadeguatezza e, purtroppo assai attuale anche da noi, la paura dell’altro e dello “straniero”.
Il più grande pregio dello scrittore, però, è quello di donare forza e identità ai personaggi facendole emergere anche dai piccoli dettagli, cosa non facile in una storia corale come questa: i legionari hanno tutti personalità ben distinte e i rapporti tra loro sono veri e vividi; i villain sono odiosi e tutt’altro che banali; e infine c’è Superman, che anche nei panni del timido e impacciato Clark Kent è più classico che mai, e mette da parte l’antipatico mama’s boy yuppie degli anni ‘80/’90.
In tutto ciò, un ruolo fondamentale è quello giocato del disegnatore Gary Frank: il suo tratto sobrio, espressivo, quasi sudamericano, si esalta con i personaggi, ai quali dona un’umanità vivissima. Il suo Superman, finalmente non più body builder ma semplicemente atletico, ha le fattezze di Christopher Reeve e l’eleganza di Cary Grant. Non può non diventare un’icona.

 

Immagini e marchi registrati sono © dei rispettivi autori e degli aventi diritto e vengono utilizzati su Glamazonia.it esclusivamente a scopi conoscitivi e divulgativi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi