DEVIL & HULK 158

[Image: 102602devil_hulk_158.jpg]DEVIL & HULK 158
Testi di Ed Brubaker, Fren Van Lente, Mark Sumerak, Jason Henderson e Fred Van Lente, disegni di Michael Lark, Klaus Jensen, Paul Azaceta, Chris Samnee, Juan Santacruz, Steve Scott e Peter Vale
80 pagine, colore, spillato, formato 17×26, Euro 3.30
Panini Comics

di Marco Novelli
In questo atteso numero di Devil & Hulk si conclude il lungo, esaltante ciclo dello scrittore Ed Brubaker sulle pagine del Diavolo Rosso. In un episodio di lunghezza extra, che vede al centro lo scontro finale (?) tra l’alter-ego di Matt Murdock, lo spietato Kingpin e i ninja della Mano, vediamo venire al pettine i nodi di circa quattro anni di storie, la cui pubblicazione italiana è iniziata nel lontano novembre 2006 su Devil & Hulk 124.
Tirando le somme di questa lunga gestione si può dire che, rispetto all’opera del precedente sceneggiatore Brian Bendis, Brubaker abbia saputo condensare maggiormente il ritmo dell’azione, con uno stile crudo e asciutto che ben si adatta alle atmosfere noir tipiche del Diavolo Rosso. Benché la trama abbia sofferto di qualche inevitabile calo di tensione qua e là, soprattutto nella lunga preparazione al rush finale, nel complesso il livello di pathos si è sempre mantenuto a picchi altissimi.
Un plauso anche al disegnatore Michael Lark, il cui segno sfatto e vibrante ha saputo accompagnare perfettamente i toni drammatici delle vicende.
Ma i fan non si disperino per l’addio dell’autore di “Capitan America” dalle pagine di questa testata. Come già successo quattro anni fa, al tempo della transazione che portò al timone lo stesso Brubaker, anche questa volta l’avventura si conclude con colpo di scena che apre la strada al nuovo writer, Andy Diggle. Sarà difficile per i lettori attuali abbandonare la nave e resistere alla curiosità di conoscere gli sviluppi di una simile “bomba”: siete avvertiti.
Si prosegue all’insegna dell’altro titolare di testata, l’incredibile Hulk, la cui famiglia di comprimari è ultimamente in costante espansione. Su quest’onda, ecco trovare spazio su queste pagine la seconda parte della miniserie dedicata alla nuova, selvaggia She-Hulk. Lo scrittore Fred Van Lente non va per il sottile e punta tutto sull’azione, nello scontro tra la nuova She-Hulk e la sua più celebre omonima, ovvero il vendicatore Jennifer Walters.
L’albo si chiude poi con due storie brevi del Gigante Verde, ambientate in universi paralleli e futuri insoliti; tra queste spicca soprattutto la seconda, particolarmente toccante, intitolata “Troppo tardi”.

Immagini e marchi registrati sono © dei rispettivi autori e degli aventi diritto e vengono utilizzati su Glamazonia.it esclusivamente a scopi conoscitivi e divulgativi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi