SPECIALE FLASH – TERZA PUNTATA BIS: Max Mercury

RIPROPOSTA

Questo speciale su FLASH, risale al 1997, fu pubblicato infatti sul sito originario di Glama. Con tanti persone che hanno visto e stanno seguendo il serial TV Flash, nebli ultimi anni, abbiamo ritenuto di riproporlo nel blog perché può essere uno strumento utilissimo per scoprire (oppure riscoprire) tanti informazioni importanti sul fulmine scarlatto della D.C. Comics. Ovviamente poi bisognerà aggiornarsi sulle cose avvenute nei fumetti di Fash, dal 1997 al 2017.
Mario B.

INDICE Flash Dossier

PRIMA PUNTATA : Intro – Flash story – Gli Universi Paralleli – Crisis – il Nuovo Flash

SECONDA PUNTATA : Personaggi Principali: I Flash – La Dinastia della Velocità

TERZA PUNTATA: I Cattivi – I Comprimari

TERZA PUNTATA BIS: Max Mercury

QUARTA PUNTATA : Storia delle Testate – Flash in Usa – Flash in Italia – Autori – Carmine Infantino – Mark Waid – Curiosità

QUINTA PUNTATA :Timeline

SESTA PUNTATA (divisa in ulteriori tre parti) : Cronologia


 

Una scheda su un personaggio secondario dell’entourage di Flash :

Max Mercury 

Di Santo Balastro

Max Mercury non è altro che la versione aggiornata di un super-eroe secondario della casa editrice Quality ( quella di Uncle Sam, il primo Ray e il Black Condor originale , per capirci) nato con il nome di QUICKSILVER, dalla penna di Jack Cole ( lo stesso di Plastic Man ) sul n. 5 di NATIONAL COMICS, (circa gennaio 1941) . Di lui non si sapeva nè origine nè identità segreta, solo che combatteva il crimine con capacità acrobatiche e velocità superiori alla norma e che viveva in un rifugio secreto in Oakwood Park. QUICKSILVER non era dissimile a molti altri intrepidi eroi dell’epoca che, creduti morti nella loro altra identità ma con a disposizione ingenti mezzi economici, si dedicavano alla lotta a gangster e ladri di terz’ordine (come l’uomo mosca), magari aiutati da inverosimili partner comici e pasticcioni, in avventure leggere e ricche d’azione.

Sparito nel ’49 con la chiusura della rivista che l’ospitava, riapparve negli anni ’70 in alcune storie, disegnate dai maestri Gustavson e Fine, ristampate sui numeri speciali a 100 pag. (“Spectacular” ) di FLASH .

Va riconosciuto tutto il merito a Mark Waid per aver ripreso questo poco originale personaggio come mentore di Wally West, prima, e di Impulse poi, arricchendo il già ben assortito cast del velocista scarlatto con una figura di guru dal passato ignoto ma si intuisce molto interessante. Creare un personaggio completamente nuovo non avrebbe avuto lo stesso impatto; in fondo, il costume così simile alla versione Golden Age ( cambia solo il colore della maschera, completamente blu in Quicksilver ) e le origini legate anche ad altri personaggi del passato come Windrunner e Blue Streak un personaggio della TEM Comics ) danno un tocco di credibilità all’autorevolezza e all’esperienza che questo personaggio incarna .

Waid, a mio avviso, è uno sceneggiatore veramente in gamba dallo stile molto vicino a quello di Chris Claremont ma dal quale si discosta per i toni più leggeri e per la umanizzazione profonda dei personaggi.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi