SANDMAN 30th Anniversary: DEATH. IL GRANDE MOMENTO DELLA TUA VITA

Diciannovesima, e penultima, puntata dello speciale di Glamazonia dedicato ai Trent’anni di Sandman, il celebre character nato dalla penna di Neil Gaiman.

Dopo Death: At Death’s Door si continua anche questa settimana con Death che, dopo Morfeo, è il character più importante di Gaiman. Stavolta Fabio Ciaramaglia recensisce Death:Il grande momento della tua vita.
Buona lettura, e se vi piace l’articolo condividetelo.
Mario Benenati

Breve riassunto. Dopo l’introduzione di Marcello Vaccari (fondatore di Glamazonia), si sono susseguiti una serie di articoli, per la maggior parte scritti da Fabio Ciaramiglia: l’analisi di “Vite Brevi”; l’articolo di Alessandro Assiri (“Sogna ragazzo sogna” ); l’approfondimento “Sulla figura di Hamnet fra Ulisse e Titania”; un bellissimo viaggio nel Reame del Sogno; un percorso ipertestuale nella Stagione delle Nebbie; le recensioni di “Oltre le Sabbie del Sogno”, di “Una Strana Storia d’Amore e de “Il Bacio del coyote”, queste tre ultime tratte dalla serie The Dreaming; e la recensione di “Sandman present: Due ragazzi morti”. A queste sono seguite le recensioni del volumetto “Sandman present: Le furie” e quello intitolato La Locanda alla fine dei mondi“. Sono seguiti due recensioni su: “Endless Night” (un bel volume del 2002-03 con tante storie, ognuna disegnata da un artista diverso), e sulla una miniserie dal titolo “The Dream Hunters” (1999, i cacciatori di sogni) disegnata dal maestro giapponese Yoshitaka Amano.
Il mese scorso abbiamo affrontato la produzione Supereroistica di Neil Gaiman, e la genesi di Sandman e dei personaggi principali della serie a cura dal super esperto Dario Janese. Due settimane fa abbiamo pubblicato due bellissimi tributi inediti, disegnati da Gino Vercelli e da Daniela Dimat, ed infine la settimana scorsa abbiamo pubblicato il primo dei tre articoli dedicati a Death (Death: At Death’s Door).

Death: Il grande momento della tua vita

Neil Gaiman,

Chris Bachalo,

Mark Buckingham e Mark Pennington

Cartonato, 96 pp. a colori

Vertigo

Prima edizione Magic Press €(2004)

costo 13,50

Recensione di Fabio Ciaramaglia


I grandi momenti della vita: Death

Forse è vero che, come si diceva in un film, i momenti salienti della vita sono pochi e tutto il resto fa massa. In questa miniserie di Death, scritta da Neil Gaiman e disegnata magistralmente da Chris Bachalo (con Mark Buckingham e Mark Pennington alle chine), questa massima pare avere un suo riscontro. La storia in questione, dal titolo italiano di Il grande momento della tua vita, è stata pubblicata originariamente in tre parti sulle pagine de Il Corvo Presenta della Magic Press e forse si è atteso troppo la pubblicazione in un unico elegante volume. Come spesso ama fare Gaiman, vengono riprese, a distanza di anni, le vicende di due ragazze, Hazel e Foxglove, già comprimarie in Sandman: Casa di Bambola e in Death: L’alto costo della vita. Foxglove, l’ex ragazza di quella Donna che veniva uccisa dal serial killer di Doll’s House, è ormai una cantante di successo, ma ha dubbi verso la sua amata Hazel e altrettanti sull’eventuale coming out che potrebbe cambiare la sua carriera. Come già in altre opere Gaiman non ha problemi, né tanto meno pregiudizi, nel descrivere delle storie omosessuali che, per lo meno a mio avviso, non sembrano essere stereotipate. Non mancano delle vignette in flashback dove vengono rappresentati gli atti sessuali, ma non è questo aspetto morboso che interessa allo sceneggiatore. Piuttosto il rapporto di Foxglove e Hazel è visto come una storia d’amore ‘normale’, fatta sì di sentimenti forti, ma anche di piccoli ripensamenti, errori, litigi. Il tutto è ben innestato nella trama perché proprio quando Hazel, che ormai riveste il ruolo di casalinga, capisce che forse l’amore per Foxglove sia finito, giunge Death per reclamare il piccolo Alvie, frutto di un attimo di smarrimento della stessa Hazel. Anche il cast di comprimari è ben assortito e approfondito. Larry, l’agente di Foxglove, cerca di difendere la fragilità della ragazza dallo spietato e cinico mondo dello showbiz e la fa accompagnare dal tutto-fare Boris. Questi, alquanto taciturno, sa benissimo cosa vuol dire dimostrare con i fatti l’affetto. Oltre a questi due personaggi, ce n’è un altro, forse un po’ più marginale, ma altrettanto importante: Vito, un modello di religione buddista.

Così come Morfeo tende a non essere il protagonista assoluto delle storie di The Sandman, anche in questo caso Death è molto più defilata rispetto agli altri personaggi. Ciò non vuol dire che vengono meno quello sue affascinanti caratteristiche, come quella di essere contemporaneamente dolce e ironica e assolutamente irreprensibile nello svolgere il proprio ruolo. Nonostante gli anni passati, il successo di Foxglove, lo smarrimento di Hazel e la nascita di Alvie, che sembrano solo fare da massa e da contorno a questa storia, è quindi il momento topico dell’arrivo di Death a segnare per sempre la vita delle due protagoniste: ed è questo ‘il grande momento della tua vita’ del titolo. Certo, ci sono molte morti in questo volume e Gaiman ne approfitta per approfondire ulteriormente i suoi pensieri sulla morte: nemmeno il buddista Vito riesce a contestare alcune frasi di Death sull’argomento. Ma protagonista assoluto di questa raccolta è l’amore, non inteso semplicemente come desiderio fisico (e probabilmente è per questo motivo che non compare mai l’androgino Endless). Quello di Hazel e Foxglove è un amore che nasce e matura, che poi rischia di finire improvvisamente e per il quale si tenta il tutto per tutto per farlo rinascere. Non c’è soltanto il ‘semplice’ amore all’interno della coppia, ma anche quello arricchito di sano spirito di sacrificio che è quello dei genitori in senso lato. Hazel è pronta a sacrificare se stessa o addirittura l’amore della sua vita Foxglove per salvare Alvie dalla morte. Larry e Boris, praticamente dei padri adottivi di Foxglove, cercano di difenderla a tutti i costi sacrificando se stessi. Il sacrificio finale di Boris è una rilettura di quello più grande avvenuto nella storia culturale dell’umanità, quello di Cristo. Perché possa realizzarsi la ‘rinascita’ di Alvie, Boris accetta di prendere il suo posto: morte e rinascita, un altro tema assai caro a Gaiman.

Questo volume è sicuramente immancabile sugli scaffali di chi ama le opere di Gaiman, perché è una storia intensa e profonda che può far riflettere anche sui grandi momenti della nostra vita che potrebbero accaderci ogni giorno.

GIUDIZIO GLOBALE:
ottimo

ALTRE INFORMAZIONI
Questa storia è stata poi ristampata in volume nel 2008 da Planeta DeAgostini (volume esaurito sul sito di RW Lion, ma rintracciabile in vari siti di vendita).


ELENCO ARTICOLI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi